L’otoplastica è una procedura di chirurgia plastica che rimodella l’orecchio per conferirgli una conformazione estetica più gradevole. Questo intervento permette di riposizionare chirurgicamente le cosiddette “orecchie a sventola”, cioè le orecchie molto sporgenti posizionandole in modo che siano più attaccate alla testa, con una piega maggiore. Pertanto, l’otoplastica consente di dare armonia tra orecchie e testa, oppure ridurre le dimensioni di orecchie grandi, o ridefinire il lobo.
Le orecchie dopo i 4 anni sono già completamente sviluppate, di conseguenza già dai 4-6 anni si può eseguire questa operazione. Se questo difetto estetico è evidente ed interferisce con la loro autostima e lo sviluppo sociale, è consigliabile sottoporre all’intervento i bambini che presentano questo inestetismo il prima possibile.

L’otoplastica migliora la vita

Le famose orecchie a sventola possono innescare complessi e diminuire l’autostima o lo sviluppo sociale fin dall’infanzia. Sia per ragioni estetiche, sia per ragioni psicologiche, con questa procedura chirurgica miglioriamo la forma dell’orecchio, la sua posizione, ma anche la vita…
Nella prima consultazione, verrà valutato il problema e raccomandata la tecnica più appropriata per ogni caso.

Tecnica d’intervento otoplastica

L’otoplastica è una procedura chirurgica che deve essere eseguita in una struttura a norma al fine di avere buone condizioni asettiche e prevenire infezioni della cartilagine atriale. Questa procedura di solito dura circa 40 minuti in anestesia locale.
La tecnica di otoplastica da eseguire dipenderà dalle caratteristiche specifiche del problema e le incisioni saranno eseguite lungo il solco retroauricolare. Grazie a questa incisione si riesce a modificare le cartilagini al fine di rimodellare la loro sporgenza. Nel caso in cui l’otoplastica sia rivolta al ridimensionamento del padiglione, viene asportata anche una parte di cute. Una volta terminato l’intervento vengono applicati dei cerotti chirurgici ed un bendaggio elastico.

Periodo post operatorio dell’otoplastica

Durante i primi due giorni dall’otoplastica è del tutto normale il verificarsi di gonfiore locale che può essere ridotto dormendo semplicemente con due cuscini, per favorire il drenaggio dei liquidi. In genere non c’è alcun tipo di dolore, ma solo un senso di pesantezza alla testa che può essere alleviato con dei semplici antidolorifici.
L’esito dell’otoplastica è permanente e non necessita di ulteriori interventi nel tempo.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *